Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Il lusso di viaggiare

Il lusso di viaggiare

13 Novembre 2014

La ricerca ha evidenziato che i viaggi di lusso rappresentano per il 77% degli intervistati un'importante fonte di guadagno e il 47% afferma che i propri clienti prenotano 4 viaggi di lusso l'anno, il 22% solo un viaggio e il 31% 2-3 viaggi. Tedeschi, italiani e francesi sono quelli da 4 viaggi, seguiti dagli spagnoli con 3 e i Paesi Bassi con un solo viaggio l'anno. Partono solitamente a dicembre e agosto poi febbraio, luglio settembre, marzo e novembre, mentre gli italiani partono prevalentemente a dicembre, agosto e febbraio. La media è di 10 giorni rispetto allo scorso anno che era di circa due settimane. Si spende per questi viaggi tra i 5000 e i 10.000 euro a coppia, si prenota con uno/due mesi di anticipo e si richiede un valore aggiunto che è più importante dei servizi. Molte le mete in ascesa: Vietnam, Maldive, Oman, Dubai, Giappone, Emirati Arabi, Sud Africa, Argentina, Myanmar, Asia, Brasile, Cina. L'età dei viaggiatori, prevalentemente coppie, ma stanno crescendo le famiglie, è compresa tra i 36 e i 55 anni per il 68%, il 30% ha più di 55 anni, il 2% meno di 35. Questo particolare cliente ama informarsi attraverso il web e tiene molto in considerazione le recensioni dei maggiori portali, secondo gli addetti ai lavori interpellati; il viaggiatore tipo è molto esigente e selettivo, attento alle destinazioni, informato e consapevole ed è alla ricerca di servizi esclusivi.

L'Italia che piace

Secondo quanto si legge nel sito di Rai News (articolo del 5 settembre 2014), una ricerca della catena Small Luxury Hotels of the World fatta su 13.000 clienti rivela le tendenze del 2014 nel mercato del lusso. A sorpresa l'Italia è la destinazione che occupa il podio più alto, seguono Francia e Maldive. A scegliere il nostro paese il 13% degli intervistati; seconda meta prediletta è la Francia (11,1%), Maldive al terzo posto (8%). Tra gli europei i più presenti sono i russi che amano la Toscana, ma non disdegnano il lago di Como. Tra le destinazioni nostrane preferite ci sono ovviamente le grandi città in cui, oltre ad ammirare le bellezze artistiche, è possibile fare uno shopping all'altezza della situazione, quindi bene Roma, Firenze, Milano. Ma per gli stranieri che possono spendere in Italia conta anche lo svago, quindi si ricercano località con hotel di lusso che siano attrezzati con Spa e campi da golf. Chi è una vera benedizione per il made in Italy declinato in tutte le sue sfumature è il turista cinese, che spende più di tutti gli altri per assicurarsi una vacanza davvero speciale. La ricerca sottolinea anche l'importanza del lavoro che il settore lusso può portare al turismo.

Le speranze dell'Enit

A inizio anno l'Enit sulle previsioni 2014 così si esprimeva a proposito del settore: "Il turismo di lusso si mantiene in buona salute: se due anni fa solo il 35% dei clienti prenotava più di quattro viaggi di lusso, oggi questa percentuale è lievitata al 51%, merito senza dubbio delle due economie in piena espansione, Cina e Brasile, ma anche della vecchia Europa. Bene lo shopping di prodotti d'alta gamma dei turisti stranieri che salva in questo momento il conto economico italiano dei principali big brand". - Fonte: Turismo & Attualità (di Alessandra Paradisi)