Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Il Gazzettino - Il rischio Egitto non ferma i veneti

Il Gazzettino - Il rischio Egitto non ferma i veneti

16 Luglio 2013


Molte precauzioni nelle agenzie di viaggi e tra i tour operator. Ma nessuna cancellazione

«Non mandiamo persone al Cairo o sul Nilo». Chi parte dal Marco Polo: «Nei villaggi tutto tranquillo»

Nessuna cancellazione di voli e prenotazioni ma partenze tranquille per i turisti veneti che nei giorni scorsi si sono imbarcati per l'Egitto. La Farnesina ha infatti dichiarato sicure Sharm el Sheik e Marsa Alam e i tour operators confermano la programmazione per queste destinazioni. La crisi politica dell'Egitto, che ora cerca di uscire dal caos ma in cui la tensione resta altissima, non sta stravolgendo i piani dei vacanzieri veneti; ancora pochi perché la stagione turistica più intensa del Mar Rosso inizierà a settembre. Qualche disagio esiste invece per chi desidera visitare il Cairo o fare una crociera sul Nilo.

«I turisti che prossimamente partiranno per il Mar Rosso ci chiamano per chiederci informazioni sulla situazione, sono prudenti ma non ci sono richieste di cancellazioni - spiega Katia dell'agenzia Felicity Viaggi di Mestre - Francorosso ha mandato le comunicazioni ufficiali confermando che se non c'è divieto della Farnesina, per annullare o modificare le date bisogna pagare le penali». «Nei villaggi è tutto tranquillo - conferma Monica dell'agenzia mestrina 3V  Se qualcuno invece ci chiama per andare al Cairo o per fare la crociera sul Nilo proponiamo delle alternative o chiediamo di attendere». La posizione ufficiale del Gruppo Alpitour nella gestione dell'emergenza sull'Egitto è chiara: «La situazione del Paese è nota ma risulta essere comunque molto fluida. Seguiamo attentamente e costantemente l'evolversi degli eventi ed i conseguenti riflessi sulla sicurezza del popolo egiziano e dei turisti presenti in loco».

Per gli itinerari delle crociere sul Nilo sono stati sostituiti i soggiorni al Cairo o proposte delle alternative ma per i villaggi il Ministero non ha dato indicazioni: «Per quanto riguarda i soggiorni balneari, come condiviso anche con gli altri soci Astoi (l'associazione dei tour operator, ndr), non prevediamo al momento azioni particolari in quanto la situazione nei centri vacanza non presenta margini di rischio per i nostri ospiti. Abbiamo provveduto solo a cancellare alcune escursioni e a limitare le uscite non organizzate dai villaggi e dai resort». I turisti che sabato sono partiti dall'aeroporto Marco Polo alla volta di Marsa Alam sono sereni e festanti, solo un po dispiaciuti di dover forse rinunciare ad alcune escursioni. «Ho chiamato l'agenzia e controllato il sito della Farnesina e sono tranquilla - racconta Elisa Pozzi, in partenza con il marito e i due figli per due settimane in villaggio a Marsa Alam - Ci avevamo messo tanto a trovare il posto giusto e non avevo intenzione di cambiarlo. Fatalità eravamo in Egitto anche due anni fa quando la situazione era ancora più critica».

Niccolò Scandaletti ha 19 anni ma sabato è partito per l'Egitto per la diciasettesima volta. Quest'anno i genitori hanno solo accompagnato lui e la sorella all'aeroporto e li faranno partire da soli come regalo di compleanno. «Non abbiamo nessun timore, l'importante è che non escano dal villaggio» spiega il padre. «Niente escursioni e mia sorella non si allontanerà da me un secondo - lo rassicura, scherzando, Niccolò - Mi sono anche registrato come viaggiatore nel sito della Farnesina lasciando il numero del cellulare per la gestione delle emergenze dell'Unità di crisi ma sono tranquillo».

Visualizza l'articolo:
{phocadownload view=file|id=2537|target=s}