Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
I popoli che viaggiano di più al mondo: ecco perché il primato va agli scandinavi

I popoli che viaggiano di più al mondo: ecco perché il primato va agli scandinavi

22 Ottobre 2014

I più grandi viaggiatori, dicono le statistiche elaborate da Timetric, sono gli scandinavi, che occupano ben 4 posizioni fra le prime 5 della classifica per numero di viaggi annui pro capite. I primi sono i finlandesi, che registrano una media di 7,5 viaggi l anno per persona, dei quali 1,7 sono internazionali, seguiti da svedesi (6), danesi (5,3) e norvegesi (5,2).

Gli scandinavi, dicono gli analisti di Timetric, possono permettersi un buon numero di viaggi grazie al benessere economico di cui mediamente godono e ai tassi di disoccupazione relativamente bassi. Inoltre, il clima estremo della Scandinavia li porta a viaggiare spesso fuori dai propri confini, dove trovano inoltre un buon rapporto qualità-prezzo se paragonato all alto costo della vita che si registra nei 4 paesi considerati. In particolare, i norvegesi fanno 2 viaggi internazionali l anno, il numero medio più alto registrato in tutta Europa.

I secondi più grandi viaggiatori al mondo sono gli americani, che però primeggiano nei viaggi nazionali: 6,5 l anno contro soltanto 0,2 fuori dai propri confini. Meno di metà degli americani ha un passaporto, dice infatti Timetric, e a viaggiare fuori dagli Stati Uniti lo scorso anno è stato solo un cittadino su 5. I motivi sono diversi: da una parte, gli Stati Uniti sono un paese così grande e con una tale varietà di offerta che i suoi cittadini sentono poco il bisogno di affrontare la spesa di un viaggio internazionale; dall altra, negli Usa i giorni di ferie concessi dalle aziende sono pochi rispetto all Europa (dove ci sono in media 22 giorni di ferie l anno) e i lavoratori americani non hanno il diritto garantito a giorni di ferie retribuiti.

Al 6° posto per numero di viaggi annui pro capite (4,3) ci sono i cittadini di Hong Kong, che si distinguono per l'esiguo numero di viaggi nazionali (0,03), di fatto pernottamenti fuori casa ma nella stessa enclave cittadina, e registrano invece la più elevata media di viaggi internazionali (4,3), il 73% dei quali verso la Cina. Al 7° posto ci sono i neozelandesi, e poi canadesi, australiani, francesi, spagnoli, tedeschi, britannici e svizzeri. Gli italiani sono al 19° posto, con 1,7 viaggi a testa l anno, di cui solo 0,5 internazionali. Fra le economie emergenti si distinguono i messicani, che si piazzano al 18° posto, prima dell Italia, pur se con viaggi prevalentemente nazionali. I brasiliani sono al 23° posto, dopo sauditi e belgi, mentre a chiudere la classifica a 25 sono gli indonesiani, con un viaggio l anno entro i confini nazionali e 0,003 fuori dal proprio paese. - Fonte: Event Report.it