Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guidaviaggi.it - Direttiva pacchetti: le richieste avanzate da Astoi

Guidaviaggi.it - Direttiva pacchetti: le richieste avanzate da Astoi

13 Febbraio 2018
Tra i punti "più caldi" quello che tendeva "ad attribuire al consumatore un potere eccessivo", spiega Pier Ezhaya

"Non si può più accettare che chi fa le regole del gioco non giochi e non abbia mai giocato. Dettano delle regole che in Italia non si capiscono. Noi ci siamo adoperati per cercare di sensibilizzare le commissioni parlamentari per non trovarci con regole che penalizzino il turismo italiano". Si esprime così Nardo Filippetti, presidente di Astoi, sul tema caldo della nuova direttiva pacchetti. A suo dire esiste "un'Europa a due velocità e tra qualche anno ci sarà un euro a due velocità". Filippetti passa all'attacco e fa presente che nel "mondo del turismo non c'è un interlocutore per la politica".
 
Tra i punti più caldi della direttiva su cui Astoi ha richiesto un intervento, Pier Ezhaya, vice presidente, si sofferma su di un aspetto in particolare, quello che tendeva "ad attribuire al consumatore un potere eccessivo - osserva il manager -. Per esempio un cliente che arrivava in un albergo prenotato dal t.o. e lo valutava non in linea con le sue aspettative, se il t.o. non aveva da proporre una soluzione gradita al consumatore, quest'ultimo poteva prenotare un albergo a suo piacimento e l'operatore doveva riproteggerlo".

Un altro punto è quello della reciprocità t.o. - consumatore, il pacchetto ha un costo del carburante che può richiedere un adeguamento, "la nuova direttiva limitava la possibilità di chiedere un adeguamento al ribasso e non al rialzo". Inoltre, Astoi ha richiesto che il pacchetto sia "tecnicamente equilibrato anche se venduto online". Un altro aspetto su cui si è concentrata l'associazione é la politica del cambio nome.

Cosa ne è stato delle richieste avanzate da Astoi? "Gli emendamenti presentati si sono un po' bloccati a fronte delle elezioni e del nuovo governo", ha dichiarato il manager. Vige quindi uno stato di attesa, mentre il tema direttiva é oggetto di analisi nel convegno in corso oggi in Bit. - s.v.