Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guidaviaggi.it - Crescita a doppia cifra per il Capodanno

Guidaviaggi.it - Crescita a doppia cifra per il Capodanno

22 Novembre 2017
L'analisi Astoi sottolinea dati positivi per la crociera, il soggiorno abbinato allo sci, city break nelle capitali europee. La montagna cresce, ma non si rinuncia alle mete al caldo

“Segnali molto positivi e con una crescita a doppia cifra rispetto all’anno precedente", il Capodanno in agenzia mostra questo trend secondo quanto dichiarato da Nardo Filippetti, presidente Astoi

Anche il Capodanno in crociera va bene, “per le festività natalizie e di fine anno si riconferma un buon andamento rilevato durante tutto l’anno”. Commenti positivi anche per il soggiorno abbinato allo sci, che si conferma “sempre molto amato dal target famiglie e giovani. Le mete più richieste sono Dolomiti e Valle d’Aosta. L’interesse verso la montagna è in aumento”. Nel periodo delle feste i viaggiatori, però, "non rinunciano alle mete al caldo”, afferma Filippetti.

Se si guarda alle aree l'attenzione si ferma sui Caraibi, "che hanno mostrato un ritardo nelle prenotazioni - fisiologico considerati i recenti eventi sull’area - registrano una ripresa per la stagione invernale, in particolare quella successiva al periodo delle festività. Rileviamo sicuramente una crescita per le richieste su Oceano Indiano e Estremo Oriente mentre non riteniamo che il cliente intenzionato a scegliere una vacanza esotica al mare, possa spostare la propria scelta di vacanza su una meta domestica”.

Com'è la richiesta per la vacanza city break nelle capitali europee? Dall'Osservatorio Astoi emerge che "è buona, già a fine estate si sono evidenziate molte prenotazioni e richieste di informazioni che stanno aumentando nelle ultime settimane”. In generale il valore medio pratica dipende dalla tipologia di viaggio; ma in ogni caso “resta in linea rispetto allo scorso anno se non con scostamenti ordinari derivanti da un fisiologico aumento dei prezzi che si attestano mediamente intorno al 2/3%”. s.v.