Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi sito web - United for Egypt:  Un evento di portata unica

Guida Viaggi sito web - United for Egypt:  Un evento di portata unica

22 Maggio 2014


Ufficiale l’iniziativa che vedrà unito il trade italiano, il ministero del turismo e l’ente del turismo egiziano per sottolineare l’ìmportanza della destinazione. Intanto il ministro Zaazou punta ad oltre 25 milioni di arrivi entro il 2020

E’ arrivata l’ufficialità del grande evento comunicato ieri e che vedrà il trade italiano impegnato, ed unito, in nome dell’Egitto. Il Ministero del Turismo Egiziano, l’Ente del Turismo Egiziano, le associazioni di categoria Astoi e Ainet, unitamente ad Alpitour World, Eden Viaggi, Going, Settemari, Swan Tour, Turisanda e Veratour, e in collaborazione con Blue Panorama, Meridiana e Neos, hanno infatti annunciato l’evento con una lettera indirizzata anche agli organi di stampa che ne spiega la portata, “realmente unica – spiegano -: per la prima volta l’intera filiera del comparto turistico si unisce in un’iniziativa a favore di una destinazione.

Obiettivo: fare un focus sulla destinazione turistica extra europea preferita dagli italiani, il Mar Rosso Egiziano. L’Egitto rappresenta la destinazione turistica extra-europea preferita dagli italiani, per il clima caldo tutto l’anno, la raggiungibilità in poche ore di volo, l’ottimo rapporto fra qualità delle infrastrutture e costo dei pacchetti. Marsa Alam, Berenice, Hurghada, Marsa Matrouh, El Alamein sono mete dove le operazioni turistiche procedono in totale regolarità. Lo speciale appuntamento vuole sottolineare la praticabilità e la bellezza di tali luoghi, per trasmettere un’immagine del Paese, inteso come destinazione balneare a medio raggio. La qualità di tali mete alternative a Sharm El Sheikh è al centro di questa importante iniziativa, che coinvolgerà i principali rappresentanti della filiera del turismo organizzato: 800 titolari di agenzie di viaggio e/o direttori, rappresentanti delle istituzioni italiane ed egiziane, esponenti della stampa nazionale”.

E proprio nelle passate settimane il ministero del Turismo egiziano ha reso noto un’importante piano di recupero per il Paese, con la speranza che le elezioni presidenziali del 26 e del 27 maggio possano allentare le tensioni. Il ministro Hisham Zaazou ha spiegato alla Reuters che entro il 2020 l’Egitto spera di accogliere oltre 25 milioni di turisti all’anno e portare le sue revenue annuali da turismo a quota 25 mld di dollari, che corrisponderebbe al doppio rispetto a quanto raggiunto nell’anno di picco 2010. Secondo Ashish Sanghrajka, presidente di Big Five Tours and Expeditions, “il recupero si accelererà una volta che saranno portate a termine con successo elezioni libere e corrette. Quello di cui il Paese ha bisogno nel frattempo – spiega il manager – è di focalizzarsi su come migliorare il prodotto e su come commercializzarlo meglio”. E una via potrebbe essere quella di puntare su nuove scoperte archeologiche per essere d’appeal ai repeater.