Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi sito web - Nardo Filippetti: 'Il successo dipende dal rispetto dei ruoli'

Guida Viaggi sito web - Nardo Filippetti: 'Il successo dipende dal rispetto dei ruoli'

26 Maggio 2012


"E' una decisione nata dal dialogo e dalla consapevolezza". Così annuncia in esclusiva a Guida Viaggi nostop Nardo Filippetti, presidente Eden Viaggi, spiegando le motivazioni della sua candidatura alla presidenza
Astoi. Fa riferimento al dialogo con i colleghi Astoi e ad un'esperienza maturata in 40 anni di lavoro. "Non è stata una decisione semplice - dichiara -. Come imprenditore sono costantemente impegnato alla guida della mia azienda e siamo tutti consapevoli della situazione che sta vivendo il nostro Paese. Ma dalla crisi abbiamo il dovere di ricavare opportunità. Se dovessi ottenere la fiducia dei miei colleghi, sono consapevole di quanto la sfida sarebbe ardua e di quanto impegno sarebbe necessario. Ma rimango convinto che si possano e si debbano raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati e che ho elencato nel mio programma".

Secondo Filippetti, le questioni più urgenti non sono numerose, ma sono molto importanti: "Dal rinnovato impegno verso un'adeguata rappresentanza dell'associazione nei confronti delle istituzioni e dell'opinione pubblica, alla creazione di un nuovo Osservatorio Astoi, in grado di generare dati e analisi certificati, che aiutino i soci a leggere e interpretare quanto accade ogni giorno sul mercato; dall'impegno nell'organizzazione di tavoli di confronto con le compagnie aeree charter e di linea, per sviluppare e far evolvere il nostro modello di business, all'assistenza legale e fiscale garantita a tutti i soci". Alla base di tutto, il punto di partenza di ogni azione Astoi: il confronto e il dialogo costante con le associazioni di categoria che rappresentano la distribuzione.

Parlando della sua candidatura usa il tono dell'imprenditore che sposa il gergo della politica: "Mi candido come imprenditore a capo di un tour operator, mettendoci la faccia, come ho sempre fatto in tutta la mia carriera, confidando nella fiducia di tutti i colleghi, che ogni giorno dalle loro aziende rischiano il loro e rischiano soli, senza protezioni e solo per passione. Mi candido da capo di un tour operator che da 30 anni è convinto di una regola semplice, ovvero che il successo del nostro settore dipenda unicamente dal rispetto dei ruoli e della filiera, che deve vedere il tour operator da una parte e le agenzie di viaggi dall'altra, produttore e distributore con ruoli distinti ma alleati per crescere e prosperare insieme". - (di L. D.)