Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi - Si fa largo il 'solo per adulti'

Guida Viaggi - Si fa largo il 'solo per adulti'

11 Gennaio 2011
Gli operatori si rivolgono sempre più spesso a un pubblico senza prole al seguito; una tendenza che prende

piede, ma che affonda le radici nel passato l prodotto solo per adulti guadagna fan. Attenzione, non si tratta di brochure a luci rosse, ma molto più semplicemente della tendenza No kids : sembrano sempre più numerose le strutture alberghiere, i villaggi e persino le compagnie aeree che si propongono a un pubblico senza prole al seguito.

Thomas Cook Airlines vola già due volte alla settimana per Creta e Gran Canaria con soli adulti. Il National Trasportation Safety Board negli Usa ha scritto alla Faa chiedendo di far introdurre la regola un passeggero-un posto . Secondo una recente ricerca di Skyscanner.com , il 59% dei passeggeri si dichiara favorevole alla creazione di spazi speciali sugli aerei dedicati alle famiglie. Il 20% vorrebbe addirittura voli child-free . Thomas Cook si è spinto oltre agli aeromobili: ha lanciato un catalogo per adulti, composto da 42 hotel e resort riservati esclusivamente a questo target, insieme ad una selezione di alberghi con aree ad hoc. Sarebbe un errore pensare che il mood sia diffuso solo negli States, spesso patria dell'eccesso e della stravaganza, o che trovi ragione nell' aplomb britannico.

I proseliti non mancano anche nel Mare Nostrum: in Spagna Iberostar accetta ospiti a partire dai 14 anni, nell'assolata Cipro l'Hotel Four Seasons di Limassol (che non appartiene, però, all'omonimo marchio alberghiero) ha creato un'ala solo per gli adulti. Perfino in Austria il fenomeno prende piede: l'albergo Cortisen è vietato ai bambini e pare sia sempre pieno.

La voce delle adv

Ma cosa ne dice la distribuzione? Il prodotto solo per adulti si sta diffondendo anche nel nostro Paese? La maggioranza dei lettori di Guidaviaggi.it, che si è espressa attraverso il nostro poll, ritiene che non ci sia richiesta per questa tipologia di prodotto (84%), contro un 16% che ne constata, invece, la presenza.

Per approfondire ulteriormente la questione, abbiamo interpellato altre agenzie di viaggi. Secondo Simona Vespi , direttore generale di Modern Viaggi (Pontedera - Pi), la richiesta in un certo senso esiste da sempre: " E' stato il prodotto stesso a fare una divisione tra le esigenze della famiglia e quelle di un altro tipo di pubblico ". Vespi cita i " Bravo Club, tipicamente villaggi per famiglie, I Grandi Viaggi, con servizi come la biberoneria ". Al cliente " va detto che in una data struttura troverà una sfilza di carrozzine, soprattutto se si parla di alta stagione ". E a questa tipologia di cliente mai si consiglierà un " El Kebir di Valtur, dove la colazione viene servita fino a mezzogiorno " e dove si intuisce prevalga il target giovani. La manager riscontra, invece, da circa un anno una richiesta maggiore per i resort internazionali: " Il discorso villaggio ha un po' perso di lustro e la clientela pian piano sta maturando ". Già da tempo, spiega Vespi, gli americani con Sandals propongono al loro interno una suddivisione delle strutture, con il brand Sandals , per le coppie, e Beaches , adatti anche alle famiglie. " E' da due-tre anni che sto attento a questo segmento ", sostiene Salvatore Miano , titolare di Mianotour di Barcellona P.G. (Me).

Gli esempi non mancano: " Dall'esperienza di Eurotravel, che aveva proposto un villaggio solo per un pubblico dai 18 anni in su ", ai Sandals, fino agli Hedonism. La segmentazione a livello mondiale esiste; in Italia, però, il fenomeno non è ancora esploso in maniera conclamata. Quanto potrebbe metterci? Miano ipotizza un paio d'anni, ma avverte: " Il mercato rischia di essere maturo da solo e noi dobbiamo essere bravi a capire il momento. Tra qualche te