Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi - Outgoing: il consumatore è cambiato

Guida Viaggi - Outgoing: il consumatore è cambiato

27 Gennaio 2015

Destinazioni - Servizio, qualità, tecnologia. Le parole chiave del presidente Astoi, Luca Battifora

Chi sale, chi scende. Anche con il planisfero davanti (come noi in questo momento, ndr) non è semplice fare una fotografia delle destinazioni turistiche nel 2014. C'è l'Egitto, con gli sconsigli tolti e messi, o il Kenya, che ha sofferto per alcuni attentati e la disinformazione sull'epidemia di Ebola, che ha penalizzato molti altri Paesi del continente africano. Ma c'è anche la conferma del successo degli Emirati e dell'Oman. E ancora la crescita del Messico o della Turchia, i record della Grecia e il buon andamento del Brasile post Mondiali, che attende le Olimpiadi. E ci fermiamo qui, mentre, pensando al 2015, ci vengono in soccorso le classifiche, le analisi, i consigli che da qualche mese popolano il web, e non solo (e di cui rendiamo conto nell'articolo a fianco).

Ritorno sul Mar Rosso

Se poi vogliamo parlare di turismo organizzato nello specifico, a dire la sua è Luca Battifora, presidente Astoi, che, forte del suo osservatorio privilegiato, traccia per Guida Viaggi i trend 2014 e le previsioni per i prossimi 12 mesi.

"Lo scorso anno, nei viaggi a lungo raggio, si sono distinti gli Stati Uniti, l'area del Pacifico con Australia e Polinesia, specialmente per i viaggi di nozze. Bene sono andati anche Maldive e Caraibi, come pure il Mar Rosso che - rimarca il manager -, specialmente sulla costa occidentale di Marsa Alam, ha confermato l'elevato gradimento da parte dei clienti italiani ". In estate a dominare la scena "tanta Grecia, Spagna e Tunisia ".

E il mare Italia? Il balneare nostrano " ha dato segnali di miglioramento rispetto all'anno precedente, con buone performance in Puglia, Sicilia e Sardegna, ed anche con richiesta su isole minori e coste sia tirrenica che adriatica: il consumo di vacanza all'interno dei nostri confini potrebbe essere superiore - aggiunge Battifora -, ma purtroppo l'estero spesso risulta più conveniente rispetto alle località nostrane". Infine da segnalare "l'eccellente risultato delle crociere, che continuano ad incontrare le preferenze di molti viaggiatori italiani ".

Quali saranno le mete protagoniste del 2015? " In primis credo il Mar Rosso - risponde il presidente -. Sulle partenze di Natale/Capodanno si sono visti chiari segnali di crescita che non mi sorprendono, perché le località del Mar Rosso sono tra le più amate dalla clientela italiana". A seguire, " i primi dati sul portafoglio ordini sembrano confermare Oceano Indiano con Maldive e Mauritius, ancora Caraibi e tanti Stati Uniti, ma anche Medio Oriente con Emirati e Oman". Scorrendo il " virtuale elenco " troviamo poi l'Estremo Oriente, quindi Indocina, Indonesia e Thailandia, " mentre la preferenza dei viaggi di nozze proseguirà su Polinesia, Australia, Usa abbinati ai Caraibi o alle Hawaii e ancora Maldive". Crociere, infine, sempre " al centro del business", sia nel Mediterraneo che su rotte più lontane.

Mercato più selettivo

Parlando di outgoing in generale, il presidente Astoi ricorda che " siamo reduci da anni difficili. Le ripercussioni sul settore in alcuni casi sono state devastanti, quindi le aziende che continuano a stare in modo sano e funzionale sul mercato meritano un plauso ". Per Battifora la ripresa sarà lenta e con un consumatore radicalmente cambiato: " Dobbiamo guardare al servizio e alla qualità, investire in tecnologia e professionalità, il mercato è più selettivo ma gl