Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi - Corbella: Corbella:'Sinergie per contare di più'

Guida Viaggi - Corbella: Corbella:'Sinergie per contare di più'

25 Maggio 2010

A colloquio con Corbella. Le prime riflessioni del neoeletto presidente Astoi

E' sempre Roberto Corbella il presidente di Astoi . Incarico rinnovato senza sorprese: era l'unico candidato. Un'elezione naturale, quindi, per chi riesce ad impegnarsi più degli occupatissimi timonieri delle 16 aziende del consiglio direttivo. Così, alla fine dell'assemblea elettiva, si sofferma a raccontare quale sarà l'orientamento del nuovo mandato.

Gv: La nube islandese ha creato un danno non solo nei trasporti, ma anche nell'economia, bloccando i traffici merci e soprattutto gli spostamenti nel turismo. Lei ha sollecitato il Governo per un aiuto concreto? "Abbiamo chiesto un intervento al sottosegretario Letta, facendogli comprendere come la calamità andasse ben oltre i trasporti, e come fosse quindi necessaria l'immediata convocazione di un tavolo tecnico per l'emergenza". Gv: Ma ha incontrato qualcuno del Governo per risposte concrete? "No, abbiamo avuto solo rassicurazioni verbali". Gv: Molti agenti sostengono che questi episodi ingenerano anche un timore del viaggio, indipendentemente dalla destinazione. Come si agisce su queste svolte emotive della domanda? "Attraverso una corretta informazione, che purtroppo non c'è. Sono fenomeni eccezionali con risvolti poco controllabili, e queste sfumature emotive purtroppo passano in secondo piano quando si hanno 20 milioni di costi diretti da affrontare".

Gv: La situazione della Grecia favorirà in qualche modo altre destinazioni? "Non andare in Grecia per timore di disordini è veramente assurdo. A Rodi, Santorini, e altre località di punta dell'offerta greca, la popolazione vive di turismo, come si può pensare che inscenino tumulti?". Gv: Sì, ma le proiezioni sono nere, abbasseranno i prezzi? "L'Ue, a fronte del sacrificio fatto, ha imposto alla Grecia alcuni obblighi aumentando l'Iva. Quindi i t.o. hanno già minori margini e più tasse. Un calo dei prezzi è improbabile. Tre giorni consecutivi di contrazioni nelle Borse hanno scosso l'Europa; si temono per la Spagna le sorti della Grecia. Anche gli italiani però sembrano colpiti: le prenotazioni sono stanziali anche per le destinazioni interne, le offerte advanced si moltiplicano ogni giorno...Non occorre essere un economista per capire che le incertezze non giova Roberto Corbella no alla domanda, ma alla fine succede sempre che alla vacanza non si rinuncia. Prevedo, come lo scorso anno, un incremento del last minute: stessi pax, più lavoro e meno fatturato". Gv: Ha incontrato il ministro Brambilla di persona, di cosa avete parlato? "Diverse volte, ma il problema è che esiste un ministro, ma non un ministero".

Gv: Perché senza portafoglio? "Perché il portafoglio è in mano alle Regioni e quindi sono impossibili progetti nazionali di investimento. Un immenso patrimonio di denaro investito disordinatamente e talvolta sprecato. Basti pensare ai nuovi assessori al turismo appena eletti, spesso professionisti estranei al settore. Il turismo è sempre nei discorsi dei candidati citato come "petrolio del nostro Paese", ma è clamorosamente assente nei programmi elettorali".

Gv: Il federalismo fiscale accentuerà ancora di più questa situazione venuta a crearsi con il titolo V? "Credo proprio di sì".

Gv: E voi che potete fare? "Rutelli, oggi la Brambilla, e prima di loro altri ci hanno mosso sempre la stessa critica: siamo troppi a rappresentare un comparto, il che impedisce di trovare un referente di peso con cui confrontarsi. Allo stesso tempo noi associazioni di trasporti, operatori, agenti, consumatori, non mettendo in atto sinergie non abbiamo potere di "lobby". Basti pensare al Fondo di Garanzia creato con polizze che noi abbiamo pagato e che non ci è dato sapere a quanto ammonti, quali interessi siano maturati, quando, perché e in che misura vi si è attinto. Ad esempio ancora si attendono