Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Guida Viaggi - Caro traghetti? Non sempre negativo

Guida Viaggi - Caro traghetti? Non sempre negativo

17 Giugno 2011

Danneggia il fai-da-te ma può spingere il trade, dicono i t.o.

Davvero il caro-traghetti sta danneggiando tutto il turismo verso la Sardegna? I tour operator su questo non sono affatto unanimi. Al contrario: secondo i diretti interessati, le tariffe al pubblico stanno nuocendo al fai-date, ma potrebbero invece avvantaggiare i pacchetti e quegli operatori che sono riusciti a contrattare fermando i prezzi. Il problema, però, rimane e, come spesso lamenta il trade, in casi simili sono i media a gettare benzina sul fuoco.

"La Sardegna ha subito un forte rallentamento, l'utenza si rivolge ad altre destinazioni, in quanto i costi da supportare sono molto alti e talvolta insostenibili - lamentano da Itermar -. Stiamo attivandoci, a mezzo Astoi, al fine di poter creare delle condizioni ottimali di vendita e per riportare quante più persone nell'isola a costi molto più ragionevoli ". Il t.o. annuncia anche la partenza a breve di un'adeguata campagna informativa e promozionale.

Va meglio per chi è riuscito comunque a mantenere e riproporre la formula della Nave Gratis , come Futura Vacanze , " per le partenze di martedì dai porti di Genova, Livorno e Civitavecchia verso gli FV Special spiega Angela Saran - . Ora attendiamo di vedere se la meta riprenderà a crescere secondo le aspettative. Il first price ha portato risultati in linea. Al momento si registra un incremento minimo che non segue il trend della Puglia" .

Per Luca Adami di Aviomar il fenomeno va analizzato con attenzione. " Si sta stigmatizzando la destinazione, che viene vista, a causa delle campagne mediatiche, sempre più come una destinazione cara. Il lato positivo, però, è che ha reso Aviomar e ritengo tutto il comparto molto più competitivo: mai come ora la consulenza delle agenzie è importante nel prenotare un traghetto ed un soggiorno in Sardegna e le tariffe dedicate ai tour operator sono interessanti da vendere e proporre ". Il t.o. registra inoltre " un mercato dei 4/5 stelle stabile o in crescita, target che probabilmente non si fa spaventare dai media, mentre quello dei villaggi/residence è fortemente penalizzato a favore di Puglia, Toscana e Calabria ". E anche in casa Aviomar, oltre all'operazione che prevede contributi nave da parte di 15 strutture della programmazione, sono aumentate le offerte Nave Gratis.

Ota Viaggi ha puntato su una politica contrattuale con le società di navigazione che ha riconfermato le tariffe 2010, " senza incorrere negli aumenti vertiginosi applicati al pubblico e questo ha fatto si che non abbiamo perso nulla nelle prenotazioni, al contrario registriamo un deciso aumento, anche perché i nostri ingressi nei villaggi da 10 anni vanno dal lunedì al venerdì, non incorrendo negli aumenti per i week-end e mettendo sia noi che le strutture alberghiere al riparo dai riempimenti delle navi durante i fine settimana - ricorda Mario Aprea, che lancia un appello : sarebbe consigliabile abituare le persone a viaggiare durante la settimana e lasciare i week-end a chi fa un tipo di turismo differente: questo farebbe risparmiare all'utente almeno 2300 euro ". Inoltre, il t.o. punta su soggiorni non di 7 e 14 notti, ma anche di 10 e 11 notti per chi non può spendere per 2 settimane piene e per chi ritiene una sola settimana non soddisfacente.

Pacchetti nave compresa , dunque o, per chi può, l'opzione aereo: " Non è probabilmente casuale il successo che si sta registrando nelle vendite di pacchetti con volo sulla Sardegna - segnala Paola Coccarelli di Alpitour - che tornano ad essere competitivi. Sicuramente rimane la regione che sta faticando di più aggiunge la manager -, soprattutto la soluzione residence. I nostri prodotti in esclusiva, Villaggi Bravo, iClub e Seaclub sono comunque in forte crescita ".

Per Enrico Scotti esiste sì un problema di sostanza, ma anche di forma: " Per i traghetti l'aumento si sente, tuttavia con le tariffe speciali t.o. riusciremmo a dife