Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Egitto: ASTOI, oltre 3 mila italiani sul Mar Rosso

Egitto: ASTOI, oltre 3 mila italiani sul Mar Rosso

01 Febbraio 2011

Roma, 31 gen   Per il Cairo e le altre grandi città abbiamo sospeso già da venerdì scorso i flussi, perché non le ritenevamo sicure già prime dello sconsiglio della Farnesina e sono quindi rientrati i turisti che avevamo in quelle zone. Diversa la situazione sul Mar Rosso, che è quella dove peraltro c è il maggior numero di turisti italiani. Da sabato sera c è lo sconsiglio della Farnesina. Noi domenica mattina abbiamo interrotto i flussi e ci siamo limitati a riportare indietro quelli che avevano finito il loro turno di vacanza. Ci sono però ancora diverse migliaia di italiani, oltre 3 mila, che stanno fruendo regolarmente della loro vacanza senza problemi, perché non sono state indette manifestazioni né ci sono stati problemi di altra natura . Così Roberto Corbella, presidente dell Astoi, l associazione degli operatori turistici collegata a Confindustria, commenta con l AgenParl la situazione dei turisti italiani in Egitto.  Al Cairo non ci sono stati episodi di violenza che hanno coinvolto nostri turisti. Abbiamo interrotto i flussi prima che la situazione degenerasse .

Prima la Tunisia, ora l Egitto. Un periodo caldo anche per gli operatori turistici?

 Ahimè sì, per fortuna sulla Tunisia oggi abbiamo avuto notizie rassicuranti. Speriamo possa tornare presto alla normalità, magari già da questo mese di febbraio. Queste situazioni che si vanno ad aggiungere a tanti altri problemi stanno pesando molto sul comparto. Stanno mettendo a dura prova la resistenza degli operatori turistici che finora sono stati lasciati soli ad affrontare questi oneri. Ci battiamo da tre anni per avere un fondo di garanzia adeguato per gestire queste situazioni d emergenza. Ma ad oggi, nonostante ripetute promesse, non è una realtà .