Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Debole crescita per l'Europa

Debole crescita per l'Europa

17 Novembre 2014

"Dobbiamo investire più fondi se vogliamo promuoverci come destinazione unica, soprattutto nei mercati emergenti dove la domanda è forte. Altrimenti subiremo un declino rapido", ha detto Santander. "Purtroppo non esiste una piattaforma europea comune di promozione, con rappresentanze di tutti i Paesi replica Ortun -. E se Brand Usa dispone di 150 milioni di dollari, noi abbiamo solo un milione di euro". Inoltre, è quasi impossibile comunicare una identità comune, c'è troppa varietà tra le destinazioni, concordano tutti.

"Il turismo è un tema economico molto più sentito dai Paesi asiatici, che in Europa", aggiunge Craig. L'affondo viene da Jenkins, che denuncia il problema delle limitazioni commerciali. "E' l'infrastruttura che ci frena - argomenta -: quanti t.o. belgi sono in Italia a vendere tour? Nessuno. Una delle ragioni del fallimento europeo nei mercati internazionali è che stiamo fallendo come europei. Non stiamo consentendo alle aziende di commerciare liberamente all'interno dell'Unione".

Il ceo dell'associazione dei tour operator osserva che l'industria è a compartimenti stagni, dove alcuni Paesi non possono beneficiare del turismo del "vicino di casa" a causa di mancanti requisiti normativi. Un vero peccato, visto che "il turismo rappresenta il 9% del Pil e il 10% della forza lavoro - sottolinea il direttore dell'Etc -. E siccome il 95% delle imprese sono Pmi, il comparto incoraggia lo spirito imprenditoriale e garantisce posti di lavoro ai cittadini europei, invece di crearne in outosurcing in altri Paesi".

Visiteurope.com

"L'obiettivo della Commissione è dunque quello di garantire la visibilità dell'Europa come destinazione unica, perciò stiamo attuando una serie di iniziative a sostegno della crescita del turismo", conclude Ortun. Tra queste Visiteurope.com presentato a Londra e creato da Mmgy & Travel Consul: un portale di contenuti con 100 articoli per ispirare i viaggiatori a prenotare una vacanza, 12 viaggi suggeriti, 15 video di " regioni ", 36 pagine-Paese, 42 articoli e 32 gallerie fotografiche. Attualmente l'Europa attira il 42% della spesa turistica mondiale, con 563,8 milioni di turisti, per un valore di 368,5 miliardi di euro e dovrà comunque fare i conti con le difficoltà sociali come l'invecchiamento della popolazione, la crisi della moneta unica, la globalizzazione e l'aumento della disoccupazione giovanile. - Fonte: Guida Viaggi (di P. Ba.)