Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Corriere della Sera (Ed. Nazionale) - L'estate premia i ritardatari. Caldo e sole fino a settembre

Corriere della Sera (Ed. Nazionale) - L'estate premia i ritardatari. Caldo e sole fino a settembre

21 Agosto 2011

Vacanze e clima Il meteorologo: «Temperature sopra la media di 6/7 gradi»

Federalberghi e tour operator: turisti in aumento

La differenza la fanno le valigie: se sono gonfie di creme solari ancora sigillate e rimpianti appartenete alla tribù dei delusi dall'estate; se invece sono piene di costumi e lunghi elenchi di cose da fare en plein air questo è il vostro momento. Quello di partire con la benedizione del dio Sole: anche ieri, prima giornata da bollino rosso-nero per il traffico da controesodo, il termometro ha superato i 35 gradi in quasi tutto lo Stivale. E i metereologi assicurano che il grande caldo ci accompagnerà fino a fine mese.

Come dire: l'estate - attesa, desiderata, tanto sospirata - è arrivata. Un po' in ritardo, un po' compressa, ma eccola. Per la gioia proprio di chi è o sta per andare in vacanza. Non pochi parrebbe: i dati dell'Associazione dei tour operator italiani (Astoi) anticipano che, vuoi per la crisi vuoi per il meteo ballerino, un 10% di fedelissimi alle ferie di Ferragosto ha scelto di far slittare le ferie alla seconda metà del mese. Una tendenza confermata anche da Federalberghi che registra un incremento delle prenotazioni proprio per fine agosto e settembre.

Il metereologo Antonio Sanò del portale ilmeteo.it spiega: «Siamo nel pieno di una settimana di caldo africano, con temperature di 6-7 gradi sopra la media, al mare come in montagna: sole e afa saranno una costante fino al 25-27 agosto». Niente di anomalo: «La nostra estate è scandita da due grandi ondate di caldo. Dopo una stagione sottotono, quella di agosto è arrivata con un po' di ritardo e dall'Africa». Sì, perché l'alta pressione non è figlia dell'anticiclone delle Azzorre ma arriva proprio dal Nord Africa. E dopo aver attraversato il Mediterraneo e inglobato umidità approda sulla nostra Penisola con un carico di caldo afoso.

«Da qui i 37-38 gradi al Centro Sud e nella Pianura Padana. Qualcosa in meno sulle coste e in montagna». Così fino a fine mese. «Intorno al 27 nuvole dall'Atlantico porteranno temporali al Nord, mentre al Centro Sud il grande caldo resterà fino ai primi di settembre». Quando si affacceranno le prime perturbazioni atlantiche. «Poi il tempo si stabilizzerà, con temperature più gradevoli. E le belle giornate, almeno da Roma in giù, ci accompagneranno fino ad ottobre».

Per la gioia della tribù di quelli che hanno scelto le ferie di fine estate. Ne fa parte il presidente di Astoi Roberto Corbella, che ha scelto la campagna: «Siamo in tanti, nella tribù. La percentuale dei transfughi dalla prima metà di agosto alla seconda e a settembre supera il 10%». E ne fa parte il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca, che fino a fine mese resterà in Sardegna: «È un regalo per quanti (tanti, dicono le prenotazioni nostrane in aumento proprio per queste settimane) nell'estate non ci speravano più. Quello che non siamo riusciti a fare a luglio per il tempo e ad agosto per il carovacanza speriamo di recuperarlo ora».

Anche Evelina Christillin, presidente dello Stabile di Torino, dopo un inizio agosto passato in Liguria tra biciclettate ed escursioni («sempre con il maglioncino, ahimè») sta ora per decollare per la Sicilia: «Erice e poi Marettimo, più per il trekking che per i tuffi in mare. Certo, anche il maltempo ti permette di vivere i posti di villeggiatura di sempre in modo nuovo, ma senza sole che estate è?».

Giuseppe Roma, direttore del Censis è in montagna: «Sto cucinando zucca e brasato, resterò qui fino a fine mese». Fortunato? «Senza pioggia qui si cammina senza tregua, ma non sono stato punito come quelli di luglio e i convertiti al una- settimana-qua-una-là. Quando si andava in villeggiatura, le giornate di cattivo tempo si spalmavano tra tante di sole. Ora se sbagli periodo è un guaio. Diciamo che la fedeltà alla tradizione di agosto ha premiato».

Giorgio Faletti è invece «fermo» all