Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Avvenire - La falsa partenza dei saldi. Vacanze senza bollino nero

Avvenire - La falsa partenza dei saldi. Vacanze senza bollino nero

07 Luglio 2013


La falsa partenza dei saldi - Vacanze senza bollino nero

La crisi raffredda l'estate. Delle vacanze e dei saldi. Con meno viaggiatori e meno consumatori. Il risultato di un continuo ripiegamento delle spese delle famiglie. Così la stagione più attesa per il relax e qualche desiderio da soddisfare, non è più quella di una volta. Luogo comune? No, realtà di un Paese in affanno. Demotivato. In perenne attesa di riscatto. Si rinuncia alle vacanze, o si riducono i tempi o si parte low cost. E si aspetta l'ultima offerta imperdibile per buttarsi nello shopping cittadino. La nuova borsa? Può attendere. Una settimana in Trentino? Magari l'anno prossimo. Un cambiamento di mentalità.

Fotografato dai numeri: solo una famiglia su tre acquisterà a saldo, con una spesa che si attesterà a circa 117 euro a famiglia, è la stima di Adusbef e Federconsumatori: «Le vendite a saldo registreranno una contrazione dell'8/9% rispetto al 2012, anno già peraltro molto negativo». In giro tanti turisti e stranieri, ma nessuna ressa davanti ai negozi, nel quadrilatero della moda, a Milano. Così come a Roma. Più positiva l'impressione a Torino. Ma nel complesso è una partenza sottotono: «Nel giorno di avvio le riduzioni nelle vendite rispetto al 2012 variano nelle principali città dal 12% al 17%», secondo il Codacons.

«La crisi si sente», fa notare Confesercenti, fiduciosa comunque in una conclusione almeno in linea con lo scorso anno. Forse il caldo. E la tentazione del mare. Quello sotto casa. Perché anche i viaggi partono in sordina. «Quasi 2 milioni di italiani rispetto allo scorso anno rinunciano a partire a luglio», è la rilevazione di Coldiretti. Astoi Confindustria Viaggi stima un calo delle presenze dell'8% tra i turisti che scelgono il mare, più accentuato tra gli italiani con una flessione prevista del 10% in termini di presenze e del 15% in termini di spesa.

Un trend negativo che il piano di Viabilità Italia (il Centro di coordinamento nazionale del Ministero dell'Interno per le emergenze viarie) raffigura chiaramente: «Quest'anno niente famigerate giornate da "bollino nero", quelle segnalate come molto critiche per i flussi di traffico verso le località di vacanza, e che rimandano a immagini di interminabili code su strade e autostrade». A luglio e agosto si segnala il «bollino rosso» appena nei fine settimana. C'è una sola giornata, sabato 3 agosto, indicata a rischio criticità, con un bollino rosso "asteriscato", per traffico molto intenso. «Si è preso in considerazione il cambiamento di abitudini degli italiani - spiega il commissario capo della Polizia stradale, Ambra Gentile -, che anziché concentrare le loro partenze in un unico weekend le "spalmano" lungo l'intero periodo estivo. Potrebbe esserci anche un'incidenza della crisi economica, a causa della quale molti italiani non andranno in vacanza». Partenze "intelligenti". O portafogli vuoti.- di Giuseppe Matarazzo

Visualizza l'articolo: {phocadownload view=file|id=2479|target=s}