Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ATLazio.it Editoriale - Un decalogo per un turismo garantito

ATLazio.it Editoriale - Un decalogo per un turismo garantito

27 Luglio 2010

Da operatori e consumatori dieci regole per una vacanza sicura e senza sorprese

Giunge quanto mai opportuno, all inizio delle vacanze estive, il  Decalogo del turista garantito , presentato a metà del mese di giugno a Roma insieme al Protocollo di Conciliazione Paritetica tra operatori e consumatori. Dieci indicazioni di comportamento che possono mettere il turista in condizione di essere ampiamente informato per evitare disagi e controversie. Il Protocollo e il Decalogo sono stati illustrati, con gli auspici dell Osservatorio Parlamentare per il Turismo presieduto dall onorevole Pierluigi Mantini, da Astoi (Associazione dei tour operator italiani), da Confindustria Assotravel, da Federconsumatori e dal Movimento Consumatori e si inseriscono nel quadro complessivo di un  patto tra le principali associazioni degli operatori e dei cittadini per realizzare un turismo garantito e una vacanza di qualità, orientando operatori e utenti verso comportamenti più attenti.

Cosa contiene il decalogo? Esaminiamolo in dettaglio.

In primo luogo, è necessario aver ben chiaro il tipo di esperienza che si vuol fare e di saperla comunicare al tour operator per vedersi confezionata il più possibile una vacanza  su misura . Poi, richiedere il maggior numero di informazioni possibili sul paese che ci si accinge a visitare, anche sfruttando le possibilità offerte da Internet e dai siti delle associazioni, nonché del portale del Ministero degli Esteri. In terzo luogo, occorre scegliere tour operator, agenzie di viaggio, compagnie aeree e alberghi di sicuro affidamento, dotati di tutte le certificazioni previste e dotati anche di polizze di responsabilità civile. E fondamentale, a seguire, essere consapevoli della differenza di responsabilità giuridiche diverse, legate ai singoli servizi offerti o riconducibili a interi pacchetti turistici complessivi. Come quinto punto, il decalogo raccomanda di leggere con attenzione tutte le informazioni contenute nelle condizioni di contratto, le prescrizioni da adottare nel paese di destinazione e le condizioni di vendita proposte. La vacanza va scelta in base a un corretto rapporto qualità-prezzo, da sottoporre anche all attenzione preventiva del tour operator per evitare possibili equivoci e fraintendimenti. In caso di disservizi  siamo al settimo punto  è necessario contattare il rappresentante  in loco del tour operator e rappresentargli con tempestività ogni tipo di problema, tenendo a mente che è quasi sempre possibile riuscire a trovare una soluzione appropriata. Gli articoli 8 e 9 affrontano l argomento della presenza di problematiche insorte durante la vacanza o il viaggio di ritorno. I reclami vanno presentati entro termini precisi, stabiliti dalle norme del Codice di Consumo e qualora non sia stato possibile trovare una soluzione opportuna, è bene sapere che oltre alle normali azioni di legge vi è anche la possibilità di ottenere conciliazioni stragiudiziali rivolgendosi alle associazioni firmatarie del protocollo. Infine, l articolo 10 ricorda che l acquisto on line su siti Internet di operatori stranieri potrebbe comportare, in caso di controversia, la necessità di sollevare cause internazionali dal risultato incerto, con forti oneri di spesa e limitatissimi esiti positivi.

Dieci regole da seguire per non incorrere in problemi e criticità e godersi una vacanza tranquilla e serena.