Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Asca - Egitto: ambasciatore Massari, vogliamo credere in nuova fase democratica

Asca - Egitto: ambasciatore Massari, vogliamo credere in nuova fase democratica

11 Giugno 2014

''Siamo fiduciosi, vogliamo credere in questo Egitto''. Lo ha affermato l'ambasciatore italiano al Cairo, Maurizio Massari, intervenuto all'evento ''United for Egypt'' promosso dall'Astoi e dai principali operatori italiani del turismo a sostegno della ripresa dei flussi di visitatori verso il Mar Rosso e l'antico Egitto in corso a Marsa Alam. Massari ha ricordato come il segnale di questa fiducia sia dimostrato dalle congratulazioni espresse subito al neopresidente Al-Sisi da parte del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ''da una telefonata diretta del premier Renzi e da un messaggio del ministro degli Esteri Federica Mogherini''.

Per Massari cresce la speranza che ''dopo 3 anni e mezzo vissuti tra 2 rivoluzioni, quattro presidenti, tanti quanti ce ne sono stati da Nasser a Mubarak, molti cambi di governo in Egitto si possa adesso aprire una fase di stabilita', di sviluppo economico, con investimenti e guardando all'inserimento dei giovani, in un progetto nazionale di inclusione''. L'Italia e' pronta a fare la sua parte, con l'obiettivo di continuare a sostenere ''il proseguimento del processo democratico egiziano, d'accordo con la road map lanciata un anno fa''. Gia' sono in cantiere, oltre all'appoggio alla ripresa turistica, una serie di progetti, sulle energie rinnovabili e proprio sul rapporto giovani egiziani-societa' civile, con un incontro al Cairo ''per avvicinarli all'Europa''.

Massari ha infine risposto anche alla richiesta del ministro del turismo egiziano Zaazou di ritiro urgente dello sconsiglio turistico sul Sud Sinai emesso dall'Italia e da altri paesi dell'Ue: ''Stiamo monitorando la situazione - ha detto - se la decisione e' stata presa e' perche' dopo l'attentato di Taba c'erano ragioni di incolumita'. Comprendiamo pero' anche le ragioni degli operatori, appena sara' possibile procederemo. Sconsiglio comunque non significa cancellazione di una destinazione''. Risposta a Zaazou anche sul rischio di aumento di migranti dall'Egitto in caso di mancata riapertura dei flussi, con Massari che ha parlato di ''generalizzazione'' di un tema molto piu' ampio.