Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Corriere Canadese online - Natale, nonni e nipoti insieme in crociera

Corriere Canadese online - Natale, nonni e nipoti insieme in crociera

14 Gennaio 2010

ROMA - Considerata un tempo la vacanza per antonomasia delle élite di viaggiatori, oggi la crociera, anche in tempo di crisi, pare incontrare sempre più i favori dei turisti nostrani. Il tutto grazie a formule ad hoc che hanno facilitato anche tante partenze di nonni e nipotini, con somma gioia dei genitori.
Ma il panorama italiano del turismo rivela anche altri piccoli quanto significativi cambiamenti, come ad esempio nelle motivazioni di tanti nostri vacanzieri, che sembrano aver scoperto la voglia di viaggiare non per una destinazione precisa quanto invece per la soddisfazione di assistere ad un evento particolare, come può esserlo ad esempio una mostra, la visita a un museo o lo shopping.
In un periodo caratterizzato da una forte contrazione delle spese, racconta Roberto Corbella, presidente dell Associazione confindustriale dei tour operator, «quest anno una bella novità è venuta dal settore crocieristico, che è riuscito a mettere insieme agevolazioni e formule di viaggio che hanno incoraggiato tanti nonni e nipotini ad intraprendere viaggi mettendo a disposizione strutture per il relax (soprattutto Spa e centri benessere) e veri e propri parchi divertimento. Tra l altro - aggiunge - le navi di più recente costruzione delle compagnie italiane, capaci di ospitare anche 3 mila persone, offrono anche una disposizione delle cabine che favoriscono la vicinanza alle strutture preferite dai viaggiatori».
Il tutto con un ampia scelta di itinerari, che comprendono, durante tutto l anno, molto altro oltre al classico Mediterraneo. Ma i turisti italiani hanno rafforzato quest anno anche una tendenza già evidenziata negli anni scorsi: «In queste vacanze natalizie - rileva ancora il presidente dell Astoi - sono tanti i nostri connazionali che hanno scelto di partire tenendo conto non di una destinazione quanto invece di una  motivazione . Si tratta per lo più di viaggi in capitali europee e non solo, prenotati per andare a visitare mostre d arte, musei importanti, o anche solo per shopping. In quest ultimo caso la meta più visitata è New York, nella quale, complice anche il cambio favorevole euro-dollaro, molti turisti italiani si recano per comprare gadget elettronici, ma anche abbigliamento firmato nei tanti outlet nella Grande Mela». Queste nuove tendenze, conclude, «si spera possano essere utili, anche se nel medio-lungo termine, a portare fuori dalle secche il nostro turismo».