Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ANSAmed - Egitto: ministro turismo, italiani qui lo hanno inventato

ANSAmed - Egitto: ministro turismo, italiani qui lo hanno inventato

11 Giugno 2014

Sempre apripista nuove mete. Assicura su sicurezza e stabilità

I media internazionali hanno dato un messaggio non veritiero di quanto accaduto in Egitto dalla deposizione del presidente Morsi nel giugno scorso, e gli scontri politici e le violenze sono "questione interna" tra egiziani che non ha mai riguardato gli stranieri. I quali sono sempre i benvenuti in Egitto, nonchè pionieri e apripista del turismo nel Paese. Il ministro del turismo uscente, Hisham Zaazou, parla con i giornalisti a margine della convention United for Egypt a Marsa Alam, inziativa italo-egiziana per un rilancio del turismo nel Paese, e lancia un messaggio all'Italia assicurando che il Paese offre ai turisti condizioni di sicurezza e stabilità. E in particolare gli italiani che, sono stati "gli inventori del turismo in Egitto".

Perchè, sottolinea, "sono stati i primi a scoprire il Mar Rosso e il Mediterraneo egiziano, e amano molto questo Paese. Cercano sempre nuove aree e fanno da apripista anche per gli altri". Zaazou torna a rassicurare sulla situazione interna, e parla della recente elezione di Sisi a presidente come ad una "pietra miliare" per la stabilità del paese. Anche se, aggiunge, qualche manifestazione continuerà ad esservi nelle città egiziane, ma non saranno violente. E delinea i programmi di sviluppo turistico per il futuro che o lui o il suo successore perseguiranno. L'impegno è in primo luogo verso i Paesi europei, che l'Egitto si propone di convincere affinchè siano rimossi tutti gli sconsiglio sul Sinai. E poi la ricerca di nuovi emercati, nel Golfo ma anche nel sud-est asiatico e in America.