Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Ansa - Nonostante la crisi gli italiani partono per le vacanze

Ansa - Nonostante la crisi gli italiani partono per le vacanze

22 Luglio 2012


Grandine a Nord, da domani maltempo al Centro-Sud. 5 gli annegati.

Nonostante gli operatori del turismo lamentino gli scarsi affari, gli italiani, vessati da crisi, tasse e preoccupazioni, partono ugualmente per le vacanze estive, anche se in numero ogni anno minore e per meno giorni rispetto al passato. Oggi il traffico è stato intenso sulla rete stradale e autostradale ma non ha causato situazioni di particolari difficoltà. In particolare, per tutta la giornata si sono avuti forti rallentamenti sulla carreggiata sud dell'Autobrennero per un forte afflusso di turisti dall'Europa settentrionale. Sulla corsia Nord dell'Autostrade del Brennero, tra Rovereto e Trento, si è verificato un grave incidente stradale nel quale sono morte una donna di 40 anni e la figlia di 8 anni di Roma. Il traffico è stato molto intenso anche su tutte le altre strade del Trentino Alto Adige per il forte flusso di vacanzieri diretti alle principali località turistiche di montagna. Anche la A23, tra Udine Sud e il bivio A23-A4 in direzione Trieste, dalle prime ore di oggi è stata affollata di auto, caravan e roulotte per l'arrivo di turisti.

Nel frattempo su Milano, Parmense e Veronese si sono abbattute forti piogge con chicchi di grandine grandi come biglie. L'arrivo di 'Circe', che con nubifragi e forti grandinate a macchia di leopardo sta attraversando l'Italia, mette in allarme gli agricoltori. Dalle pesche alle albicocche ma soprattutto l'uva in attesa di vendemmia sono molte - sottolinea la Coldiretti - le coltivazioni sferzate dal maltempo per le quali gli agricoltori rischiano di vedere sfumare il lavoro di un intero anno. Il Dipartimento della Protezione Civile prevede, dalla mattina di domani, il persistere di precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, in rapida estensione dalle Marche, ad Umbria, Lazio orientale, Abruzzo, Molise e successivamente a Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Si potrà assistere a rovesci di forte intensità, grandinate, attività elettrica e forti raffiche di vento. Inoltre sono previsti venti da forti a burrasca, su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia-Romagna, in estensione a tutte le regioni centrali e meridionali e alle due isole maggiori. Saranno possibili mareggiate lungo le coste. I metereologi però assicurano che si tratterà di un fenomeno confinato ad alcuni giorni della prossima settimana e che il caldo tornerà presto nelle nostre regioni.

Anche così sperano gli operatori del turismo, alcuni dei quali, nonostante la crisi, vedono tuttavia spiragli di miglioramento. "All'inizio di quest'anno le previsioni parlavano, per il turismo estivo, di perdite che si aggiravano intorno al 30% ma, a consuntivo, sono state finora del 3-5%. La gente non programma nulla ma poiché poi ha bisogno di una settimana di ferie, sotto data decide di prenotare e di partire", sostiene Nardo Filippetti, presidente di Eden Viaggi e neo presidente di Astoi, l'associazione che riunisce i tour operator e che aderisce a Confindustria. Intanto Federconsumatori e l'Ente bilaterale del turismo hanno calcolato quanto costerà agli italiani concedersi delle vacanze durante questa estate: per una famiglia di 3 componenti che si sposta da Milano a Rimini, il costo complessivo del viaggio e del soggiorno ammonta mediamente a 1.455 euro viaggiando in auto (una berlina a benzina) e 1.559 ¬ viaggiando in treno (alta velocità). La tariffa media alberghiera pro capite in camera doppia in pensione completa è pari a 93 euro al giorno; il costo è più elevato al Sud e isole 121 euro, mentre al Nord Italia si spendono mediamente 78 euro. Per la Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi, questa è la stagione più fiacca degli ultimi 15 anni: gli italiani in vacanza da luglio a settembre saranno circa 25 milioni pari al 40%, a fronte del 48%