Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ANSA - Farnesina sconsiglia i viaggi in Egitto

ANSA - Farnesina sconsiglia i viaggi in Egitto

01 Febbraio 2011

Anche a Sharm e nel mar Rosso, lo ribadisce l'Unita' di Crisi

La Farnesina continua a sconsigliare i viaggi non necessari in Egitto, compresi quelli nel Mar Rosso. Lo ha ribadito il capo dell'Unita' di crisi, Fabrizio Romano, spiegando di considerare ''imprudenti'' viaggi in tutto l'Egitto. Anche, quindi, nelle localita' del Mar Rosso come Sharm El Sheikh, anche se, ha ricordato, li' la situazione appare in questo momento tranquilla: ''Dalle notizie che stanno arrivando, quelle relative a Sharm oggi appaiono tranquille'', ha ricordato precisando pero' che e' ''meglio essere prudenti''.

Romano ha ribadito che nel paese ''lo scenario e' estremamente complesso''. Da una parte c'e' stata, soprattutto nei primi due giorni, una carenza di protezione da parte delle forze dell'ordine che ora comunque ''si sta colmando''. Dall'altra si tratta di un'area dove c'e' un'''altissima presenza di cittadini europei''.

Si aggirerebbe intorno alle 15mila 500 persone la stima degli italiani presenti in Egitto. Il dato, fornito nel corso di un incontro del capo dell'Unita' di crisi della Farnesina Fabrizio Romano con i cronisti, comprende una stima di circa 7mila turisti a cui si aggiungerebbero 8.500 presenze stabili. ''Si tratta comunque di stime'', ha spiegato Romano, sottolineando che si sta facendo il punto in queste ore anche con gli operatori turistici per quantificare i connazionali che sono gia' rientrati in Italia.

Intanto all'aeroporto del Cairo si continuano a registrare problemi e ci sono persone bloccate, confermano all''Unità di crisi della Farnesina, sottolineando che l'Ambasciata d'Italia, con un proprio punto nello scalo, ''sta cercando di aiutare i connazionali in partenza dal Paese e riproteggere coloro che erano prenotati con i voli Egyptair su voli Alitalia''. Alitalia ha rafforzato i collegamenti con l'Egitto attraverso l'utilizzo di aeromobili con maggiore capacita' di posti alla normale operativita'.

Nessun problema per i turisti partiti con viaggi organizzati che vogliono ritornare dal Mar Rosso in Italia, piu' difficile la situazione per i vacanzieri 'fai da te' che devono transitare per il Cairo. A descrivere una situazione comunque ''sotto controllo'' e' il presidente dell'Astoi, l'associazione confindustriale dei tour operator, Roberto Corbella. ''La maggior parte dei viaggi verso Sharm el Sheikh - spiega - sono organizzati con voli charter diretti. I problemi nascono per i turisti che hanno raggiunto il Mar Rosso via il Cairo con voli di linea ed ora non possono ritransitare per l'aeroporto della capitale egiziana''. ''La soluzione per loro - dice ancora Corbella - e' trovare un passaggio sui charter che da Sharm ripartono per l'Italia''. ''Dopo lo 'sconsiglio' della Farnesina a recarsi in quelle zone - aggiunge Corbella -, per una scelta di prudenza, abbiamo raccomandato ai nostri clienti di non partire''.