Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Alitalia-Etihad, obiettivo i turisti top

Alitalia-Etihad, obiettivo i turisti top

22 Novembre 2014

Etihad, grazie alla presenza in Italia, potrà svilupparsi a livello globale, in direzione di mercati strategici come quello Usa. E l'Italia, oltre a salvare la compagnia aerea, aprirà con maggior forza il proprio mercato a investitori arabi. Un percorso già iniziato dal Fondo strategico italiano che, a fine 2013, ha stretto un'alleanza con il fondo sovrano del Kuwait, Kia, per una società in comune da 2 miliardi che custodirà le partecipazioni del Fondo stesso in svariate società (Ansaldo Energia, Metroweb, Hera, Kedrion). Altre operazioni, poi, potrebbero essere messe in cantiere, sulle infrastrutture turistiche come l'immobiliare alberghiero.

«Da oggi riprendiamo il nostro percorso di crescita e di sviluppo internazionale - ha commentato l'ad Gabriele Del Torchio - verso Abu Dhabi e, da lì, verso le numerose destinazioni del Sud-Est del mondo. I collegamenti tra noi e gli Emirati arabi non sono mai stati così forti». I nuovi voli serviranno anche a portare tanti passeggeri top nel Nord Italia in occasione di Expo 2015, «che l'anno prossimo - spiega l'ad - farà di Milano il centro nevralgico del mondo e per la quale Alitalia ed Etihad Airways sono state nominate Official Global Airline Carriers».

In parallelo, mentre si programma il futuro commerciale della New Alitalia, c'è attesa per l'assemblea del 26 novembre quando la «old company» rinnoverà il consiglio. A stretto giro, questione di giorni, sarà poi convocata l'assemblea straordinaria della «newco» e i rispettivi organi: l'ad Silvano Cassano, il presidente Luca Cordero di Montezemolo e il vicepresidente James Hogan. Per Montezemolo si andrebbe profilando un doppio ruolo in entrambi i consigli. - Fonte: Il Giornale (di Sofia Fraschini)