Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
AGI - Egitto: Tour Operator sospendono i viaggi

AGI - Egitto: Tour Operator sospendono i viaggi

01 Febbraio 2011

Quasi tutti i tour operator italiani sospendono l'offerta di pacchetti viaggio in Egitto, finche' non sara' cessata la crisi. Per chi ha gia' prenotato, sono previsti viaggi alternativi, vaucher o rimborsi. Lo ha detto Cinzia Renzi, presidente della Fiavet, la federazione italiana delle imprese di viaggi e turismo. "Ieri e' arrivata la segnalazione della Farnesina di sconsigliare le partenze - spiega Renzi - e i tour operator si sono adeguati decidendo il blocco delle partenze per l'Egitto. Le ultime partenze ci sono state sabato, e qualcosa anche ieri, anche se per la verita' sono soprattutto partiti aerei vuoti, per far tornare gli italiani che sono li'". Niente Mar Rosso, dunque, per centinaia di italiani: "Il viaggio a Sharm si vende tutto l'anno - sottolinea Renzi - quindi sarebbero stati in molti a partire i primi di febbraio. I nostri contatti ci dicono che a Sharm la situazione e' tranquilla, non si vedono i carri armati di cui hanno parlato i telegiornali, ma in ogni caso le agenzie hanno deciso di bloccare tutti i viaggi per l'Egitto, non solo al Cairo dove la situazione e' obiettivamente incompatibile con un viaggio turistico". E se centinaia dovranno rinunciare al viaggio, sono altrettanti quelli che avevano gia' prenotato: "A loro proporremo un altro viaggio nello stesso periodo, o un vaucher per una prossima pazienza, o in alcuni casi il rimborso. Si possono rivolgere all'ufficio legale della Fiavet". Difficile, comunque, rientrare dell'intera somma: "Questo e' un problema annoso, che non dipende solo da noi - sottolinea Renzi - non e' possibile che se c'e' una rivolta in un Paese l'agenzia di viaggi perda tutti i soldi, siamo gia' in una crisi incredibile. Dobbiamo rivedere il fondo di garanzia, che non prevede situazioni di questo genere, per evitare che questi inconvenienti ricadano solo sulle spalle di noi operatori. Prima la Tunisia, ora l'Egitto: se questa situazione si prolunga - conclude - siamo letteralmente rovinati". Il gruppo Alpitour, settimo operatore turistico europeo e maggiore tour operator d'Italia, ha sospeso tutte le partenze per l'Egitto e ha "ampliato le disponibilita'" su localita' alternative e, chi avesse una prenotazione per qualunque destinazione nel Paese nordafricano, puo' cambiare destinazione senza pagare alcuna penale. Alpitour ha fatto rientrare con voli charter tutti i suoi clienti che si trovavano al Cairo. Nessuna richieste di interruzioni del soggiorno e rientri anticipati per le destinazioni Mar Rosso. L'Astoi, associazione aderente a Confindustria che riunisce i tour operator italiani, dopo avere sospeso i viaggi per il Cairo sta valutando di estendere il blocco delle partenze all'intero Egitto, incluse le localita' della costa del Mar Rosso: in queste ore - spiegano dall'associazione - si sta lavorando in coordinamento con l'unita' di crisi della Farnesina per "trovare una linea comune tra tutti i soci".