Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
Adnkronos Sito Web - Astoi, sbagliato evitare turismo in Usa per timore ritorsioni morte Bin Laden

Adnkronos Sito Web - Astoi, sbagliato evitare turismo in Usa per timore ritorsioni morte Bin Laden

10 Maggio 2011

"Il problema terrorismo non è certo risolto con la morte di Bin Laden. Stiamo parlando solo di una delle possibili spinte al terrorismo, tuttavia sarebbe sbagliato rinunciare alle proprie scelte turistiche. In caso contrario, la si darebbe vinta alla logica terroristica". Così Roberto Corbella, presidente di Astoi (Associazione tour operator italiani), commenta con LABITALIA gli effetti dell'uccisione del leader di al-Qaeda sulla scelta o meno degli Stati Uniti come meta turistica degli italiani

"Le reazioni - spiega - sono sempre molto soggettive. Molti possono sicuramente trarre maggiori rassicurazioni dalla morte di Bin Laden, mentre altri temono delle ritorsioni".

"In effetti - continua Corbella - gli attacchi terroristici non è detto che vengano organizzati negli Stati Uniti. Un attentato può accadere ovunque e le vittime si possono trovare in vacanza oppure nella propria città a lavoro, in America come in Italia".

Per il presidente di Astoi, poi, "il timore di rimanere vittima di atti terroristici è un'ipotesi molto remota in qualsiasi città o regione ci si trovi nel mondo". "Se guardiamo i dati statistici - sottolinea - le cause di morte per ragioni legate al terrorismo sono, a livello quantitativo, molto molto basse. Anzi, oserei dire che la morte per terrorismo si pone all'ultimo posto nella classifica mondiale a differenza, ad esempio, degli infortuni mortali automobilistici".

"Per questo - rimarca Roberto Corbella - basare le proprie scelte turistiche spinti dall'effetto Bin Laden, magari cambiando meta, evitando così l'intera area geografica degli Stati Uniti, non è una scelta razionale ma solo emotiva".