Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ADN Kronos sito web - Corbella (Astoi), in Tunisia turismo si sta riprendendo, in aumento voli per Djerba

ADN Kronos sito web - Corbella (Astoi), in Tunisia turismo si sta riprendendo, in aumento voli per Djerba

06 Luglio 2011

Gli effetti della crisi continuano comunque a farsi sentire, nonostante le prenotazioni siano in leggero aumento. Magari si preferisce tarare la vacanza a misura del budget a disposizione.

"Il turismo italiano in Tunisia si sta gradualmente riprendendo. In aumento, in particolare, i voli verso l'isola di Djerba, storicamente una delle destinazioni più popolari della zona". Non ha dubbi Roberto Corbella, presidente di Astoi (Associazione tour operator italiani), che con LABITALIA fa il punto degli spostamenti estivi degli italiani. "Il Mar Rosso - osserva - rappresenta, invece, un caso a parte, perché dai numeri relativi agli ordini possiamo tranquillamente affermare che sta decisamente recuperando, tornando così ai vecchi numeri".

"La paura - sottolinea - sta piano piano abbandonando i turisti italiani, non condizionando più tanto le scelte di viaggio. Certo, non abbiamo ancora il pieno degli anni passati, ma il futuro promette bene. Del resto, le reazioni sono sempre molto soggettive". "Oltre alla paura - precisa Corbella - le scelte turistiche degli italiani devono fare i conti anche con i soldi a disposizione. Per questo, anche se nessuno rinuncia alla vacanza estiva le coordinate, non solo quelle geografiche, sono cambiate".

"Gli effetti della crisi - ammette il presidente di Astoi - continuano comunque a farsi sentire, nonostante le prenotazioni siano in leggero aumento. Magari si preferisce tarare la vacanza a misura del budget a disposizione". "Per questo - ricorda Corbella - alla riduzione del soggiorno si associano anche formule economicamente favorevoli come il 'prenota prima', oppure il 'last minute'".

"In generale - aggiunge Corbella - gran parte degli italiani si è spostata verso le isole spagnole e greche. Da giugno, infatti, assistiamo alla ripresa dei viaggi verso le mete cosiddette classiche. Quello crocieristico è sicuramente il settore che va per la maggiore con una tendenza 'nonni-nipoti' a dir poco positiva".