Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
Rassegna stampa Astoi
ADN Kronos - Corbella (Astoi), tra maltempo e crisi vacanze slittate di due settimane

ADN Kronos - Corbella (Astoi), tra maltempo e crisi vacanze slittate di due settimane

13 Agosto 2011

Il presidente dei tour operator a Labitalia: "Con vacanze ai primi di settembre risparmi anche del 30%"

Estate 2011, tra maltempo e crisi le vacanze degli italiani slittano di almeno un paio di settimane e le prenotazioni si concentrano dal 15 di agosto in poi. "La stagione 2011 -conferma a LABITALIA Roberto Corbella, presidente dell'Astoi, Associazione dei tour operator italiani- è partita molto lentamente, a causa di vari fattori tra cui l'aspetto climatico, ma non solo, compresa la crisi. Molti hanno rimandato il momento della prenotazione delle vacanze, tanto che stiamo ora registrando molte prenotazioni 'sotto data'".

Ma accanto a questo che è un primo fenomeno, ossia una maggiore richiesta per quella che è l'altissima stagione, c'è anche il fenomeno opposto. "Soprattutto per motivi economici, molte persone, schivando l'altissima stagione, andranno in vacanza a partire dal 23 di agosto e anche la prima di settembre". Una scelta che comporta notevoli benefici per i portafogli.

"Andando in vacanza in media stagione si hanno risparmi significativi. Agli inizi di settembre rispetto al picco di Ferargosto -spiegaCorbella- ci sono risparmi anche del 30%".Il maltempo, "essendo un fattore localizzato", spiega il presidente dei tour operator, "incide solo sul momento della prenotazione: quando ci sono giornate di brutto tempo, la gente non va a fare la prenotazione, ma rimanda il momento di acquistare il viaggio o la vacanza". Oppure incide sulla scelta della destinazione.

"Ma questo vale -aggiunge Corbella- essenzialmente per chi fa prenotazioni last minute". Tra le mete che quest'anno hanno attirato di più gli italiani, ci sono senz'altro "Spagna e isole greche -informa Corbella- complice anche la crisi sociopolitica dei paesi nordafricani". E' il caso della Tunisia, "meta molto amata dagli italiani -spiega il presidente dei tour operator- e che era molto popolare nel periodo estivo, anche perché molto competitiva come prezzi". Parte degli 'aficionados' della Tunisia "sono andati in Grecia o in Spagna, o in Croazia o Turchia. In Egitto invece sta riprendeno quota il Mar Rosso, con prezzi bassi e struttuire valide", sostiene Corbella.

Per chi ha più tempo e disponibilità, "sono andati molto bene i Caraibi, Cuba e Santo Domingo in particolare". Dall'altra parte del mondo "Thailandia e anche gli Stati Uniti". A preferire le ferie nel villaggio turistico "sono le famiglie con bambini, mentre chi è giovane (o single o in coppia) ama le vacanze più avventurose e, se può, con mete più lontane".Un trend in crescita è quello delle crociere.

"Sono viaggi 'trasversali' -dice Corbella- ci vanno i giovani in viaggio di nozze, i nonni con i nipoti, quelli che cercano la spa e il benessere. C'è infatti una forte offerta essendo state varate recentemente molte navi da crociera. Oltrettutto hanno prezzi competitivi, almeno in entrata. Perché una volta a bordo le occasioni per spendere i soldi non mancano: dal parrucchiere allo sbiancamento dentale, dalla palestra al negozio di artigianato".