Astoi Confindustria viaggi
La qualità alla guida del turismo
News Turismo
Acquisti on line in crescita, turismo in cima alla lista

Acquisti on line in crescita, turismo in cima alla lista

18 Ottobre 2014

«L'e-commerce è sempre più percepito dalle aziende come necessario per l'espansione del proprio business - sottolinea Roberto Liscia, presidente di Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano) -. Lo attesta l'andamento del fatturato complessivo, +20% all'anno negli ultimi anni e l'impennata del numero di acquirenti on line italiani, che sono passati da 9 a 16 milioni in 3 anni. Stiamo assistendo a un forte interesse delle imprese, che si sono rese conto delle grandi opportunità che il digitale può offrire in un momento in cui i fattori recessivi stanno mettendo in discussione i modelli di business tradizionali».

«I servizi pesano per il 62% delle vendite  fa notare Riccardo Mangiaracina, responsabile dell'Osservatorio Netcomm -. Il turismo ha una quota di mercato nell'e-commerce pari al 41%, le assicurazioni arrivano all'8%, i prodotti, invece conquistano il 38% delle vendite». Secondo un'altra ricerca, intitolata "Net Retail - II ruolo del digitale negli acquisti degli italiani", commissionata da Netcomm a Human Highway (istituto di ricerca specializzato nell'analisi dei servizi, della comunicazione e del marketing on line), le prime 5 categorie di beni comprati in rete interessano quasi il 50% delle vendite: si tratta di hotel e pacchetti vacanza, che contano per 14,1% del totale, biglietti di viaggio (11,1%), computer e tablet (9,8%), elettrodomestici (7,7%) e smartphone (7,1%).

Pagamenti e spesa media

Considerando tutte le vendite on line, in totale lo scontrino medio è vicino agli 80 euro: la spesa media più alta interessa le assicurazioni con uno scontrino di 372 euro, pc e tablet con 278 euro, hotel e vacanze con 237 euro, elettrodomestici con 196 euro. Per quanto riguarda i metodi di pagamento, il pagamento on line contestualmente all'acquisto è passato dall'83% del 2013 all'86% dei primi mesi del 2014. Dal lato dei consumatori i trend che stanno alimentando l'andamento positivo delle compere sui mezzi digitali sono la maggiore familiarità con i servizi on line da parte di oltre metà della popolazione italiana maggiorenne e l'aumento di banda, disponibile presso un numero crescente di famiglie e luoghi di lavoro (+93% nell'ultimo anno). A ciò si aggiunge la diffusione dei dispositivi mobili connessi alla rete, una più vasta offerta, sia in termini di varietà che di qualità del servizio, e la qualità del sistema di trasporto e consegna dei prodotti.

Il grado di soddisfazione rispetto agli acquisti on line è in costante crescita da aprile 2011, data di inizio delle rilevazioni mensili Netcomm e Human Highway. «Chi inizia a comprare on line non smette e, anzi, acquista in categorie sempre diverse», sottolinea Liscia. Rispetto agli altri Paesi emerge che nella Penisola «la penetrazione dell'e-commerce sul totale del mercato retail passa dal 3% al 3,6% nell'ultimo anno  racconta Alessandro Perego, responsabile scientifico dell'Osservatorio -. È ancora limitata rispetto a quella di altri Paesi europei, ma è supportata da un tasso di crescita importante. Nei Paesi in cui il commercio elettronico ha raggiunto una maggiore maturità, l'incremento è attorno al 10%, mentre in Italia tocca il 18%». - Fonte: Pianeta Hotel (di Irene Greguoli Venini)